Homepage

Mercato Milan: Ogbonna non convince Allegri, intanto Nesta...

MERCATO MILAN OGBONNA NON CONVINCE ALLEGRI, INTANTO NESTA... / MILANO - Con Thiago Silva verso Parigi il Milan dovrà rivedere tutte le strategie di mercato che riguardato il reparto difensivo. Detto di Silvestre e Dedè, un nome caldo in Italia è quello di Angelo Ogbonna del Torino. Il nome del nazionale azzurro però non convince Massimiliano Allegri per una questione tecnica. Il tecnico lo vede bene in una difesa a tre, il suo Milan gioca con una difesa a quattro.

Inoltre, secondo quanto riportato da 'TuttoSport', Galliani potrebbe chiedere a Nesta di rimanere un altro anno.

Thiago Silva-Psg, affare fatto

E' fatta per il trasferimento di Thiago Silva al Psg. Il difensore brasiliano ha già chiamato qualche compagno del Milan per annunciare il suo addio. Il club rossonero incasserà 50 milioni di euro, per il giocatore pronto un contratto a 9 milioni a stagione, il doppio di quanto percepisce attualmente. Martedì sono in programma le visite mediche e, secondo l'Equipe, la firma. Il contratto sarà però depositato solamente mercoledì.

Intercettato da alcuni cronisti all'uscita di servizio di un ristorante cittadino, Adriano Galliani ha sostanzialmente negato che ci siano novità, ma non ha nemmeno smentito l'esistenza di una trattativa con i francesi. Trattativa che, invece, all' "Equipe" ha confermato Leonardo, pur mantenendosi molto prudente: "Stiamo parlando, ma è difficile", ha detto il grande ex. E uno degli agenti del giocatore a Rmc: "So che il Paris Saint Germain è molto interessato al mio assistito, lui per ora rimane un giocatore del Milan, ma tutto è possibile".
Resta, insomma, il fatto che Thiago Silva è pronto a vestire maglia del Psg per quello che si annuncia uno dei trasferimenti più clamorosi del mercato estivo. Il Milan, nonostante le resistenze, espresse anche a parole attraverso l'ad rossonero Adriano Galliani ("Thiago Silva e Ibra restano al 99,9%", ha dichiarato al ritorno da Tunisi dopo qualche giorno a bordo della nave che ha ospitato la Crociera Rossonera nel Mediterraneo) alla fine ha ceduto all'offerta del club parigino. La fumata bianca per ilforte difensore brasiliano, inseguito anche dal City di Roberto Mancini e dal Barcellona,è prevista già mercoledì.

Si vocifera, però, anche di un imminente arrivo a Milano dello stesso Thiago Silva. Non è chiaro, tuttavia, se il brasiliano debba parlare con la società del suo futuro o abbia fissato una visita per verificare le condizioni del ginocchio dolorante.
DEDE' INSEGUITO, NESTA ALLERTATO Nemmeno il tempo di ufficializzare l'addio di Thiago Silva, che il Milan si è già messo al lavoro a caccia di un degno sostituto. Il primo uomo sul taccuino degli emissari di mercato rossonero dovrebbe essere Dedè, già seguito con attenzione nelle ultime settimane. Attenzione però alla situazione di Nesta cui, stando a quanto trapela, il Milan potrebbe chiedere di rinnovare ancora per un anno

INCONTRO AGENTE-PSG IN UN HOTEL DI PARIGI Alle 18.30 in un hotel di Parigi è cominciato un incontro tra l'agente di Thiago Silva, Paulo Tonietto, e idirigenti del Psg. A quell'ora si è giocata Francia-Inghilterra di Euro 2012: non un dettaglio casuale. Tutte le attenzioni saranno infatti sulla sfida di Donetsk.

MILAN CHANNEL SMENTISCE LA TRATTATIVA Come da prassi, il Milan si è afftrettato, attraverso il canale tematico ufficiale, a smentire la cessione del brasiliano al Psg. Secondo Milan Channel, non ci sarebbe nessuna trattativa in corso, ma si tratterebbe solo di voci poco concrete. Nessuna conferma nemmeno sulla presenza di Thiago Silva a Parigi.

PSG, CEARA LIBERA UN POSTO DA EXTRACOMUNITARIO Un indizio in più sull'imminente arrivo di Thiago Silva al Psg è la rescissione del contratto del brasiliano Marcos Ceara, che a questo punto libererà un posto da extracomunitario per il rossonero.

LA TATTICA DEL MERCATO: Milan, ecco Traore'

CALCIO CALCIOMERCATO TATTICA NANCY MILAN TRAORE ALLEGRI GALLIANI / ROMA- Il Milan 2012/2013 sarà una squadra totalmente rivoluzionata rispetto agli anni passati. Tanti sono stati gli addii illustri (Nesta, Gattuso, Zambrotta, Inzaghi, Van Bommel, Seedorf) che determinano quindi un cambio della guardia obbligatorio. Due nuove pedine sono già arrivate nello scacchiere di Massimiliano Allegri: si tratta di Riccardo Montolivo e Bakaye Traorè. Concentriamoci sul nuovo acquisto africano, proveniente dal Nancy.

 

BIOGRAFIA - Bakaye Traorè nasce a Bondy, in Francia, il 6 marzo del 1985 da genitori maliani. Muove i primi passi calcistici nell'Amiens, squadra con cui debutta in Ligue 2 nella stagione 2004/05, a 19 anni. Dall'annata successiva Traorè si impone sempre di più come titolare fino a contribuire ad una annata storica con promozione in Ligue 1 sfiorata. Nel 2007/08 e 2008/09 gioca da titolare dimostrando la sua attitudine al gol, segnando 9 reti a stagione. Questo progressivo miglioramento gli vale la chiamata dalla Ligue 1. Traorè nel 2009 passa al Nancy, dove disputa 3 campionati senza riuscire ad imporsi mai come titolare assoluto ma dando un enorme contributo per la salvezza della sua squadra. Nel 2012 va in scadenza di contratto e si accorda col Milan a parametro zero, dopo aver disputato col Nancy 80 partite (tra campionato e coppe) segnando 11 reti. Nel febbraio 2009, nel pieno della sua miglior stagione con l'Amiens, debutta in nazionale maggiore maliana sotto la guida tecnica di Stephen Keshi. Da allora prende parte alla Coppa d'Africa del 2010 e a quella del 2012, allenato da Alain Giresse.

 

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE - Bakaye Traorè non è certo un top player (termine tanto in voga), ma, a 27 anni, è ancora un buon giocatore con margini di miglioramento. Alto 1,86 per 77 kg, fisico asciutto e longilineo, atleticamente devastante, destro naturale. Traorè è un centrocampista moderno che può ricoprire quasi tutti i ruoli della mediana, preferendo però la posizione di perno centrale. Come detto è dotato di una forza atletica davvero notevole, ma è anche dotato di una buona tecnica individuale. Possiede un piede destro educato con il quale va spesso al tiro da fuori area, oppure conclude a rete dopo un inserimento senza palla (la sua specialità). Tatticamente è ancora un giocaotre abbastanza disordinato e forse anche per questo al Nancy non si è mai imposto come titolare assoluto. Sarà Massimiliano Allegri a doverlo plasmare da questo punto di vista.

 

E' UN AFFARE PER IL MILAN? - Più che un affare si può considerare un'interessante scommessa a costo zero. Traorè infatti sembra perfetto per il 4-3-1-2 di Massimiliano Allegri. Può infatti ricoprire il ruolo di mediano davanti alla difesa, può all'occorrenza giocare da mezz'ala e volendo può svolgere anche il ruolo di trequartista atipico. Insomma, un giocatore poliedrico preso senza sborsare un euro. Tuttavia sono molti anche i punti interrogativi. Traorè infatti in Francia ha palesato grandi lacune tattiche che in Italia non sono accettabili ed inoltre in 3 anni non è mai riuscito ad imporsi come titolare al Nancy, modesta squadra della Ligue 1. Il giocatore maliano insomma ricopre il ruolo della scommessa assoluta: i mezzi ci sono, toccherà a Massimiliano Allegri e ad Adriano Galliani far capire al ragazzo cosa significa vestire la maglia del Milan in un torneo importante come la Serie A.